2006-07 Mauro Pelaschier dice che…



10-07-2006


Mauro Pelaschier dice che…

Valencia, 4 luglio 2006

Ecco i commenti “ragionati” di Mauro Pelaschier, coach del Mascalzone Latino-Capitalia Team, al termine dell’ ACC Season Championship 2006.

“Alla conclusione delle regate 2006 riservate alle barche dell’America’s Cup Class il nostro bilancio può essere considerato positivo perché con il nostro quinto posto abbiamo fatto un balzo enorme nella classifica portandoci nella zona dei top team.

“È stata una gratificazione per tutto l’equipaggio, per i tecnici e per chi ha lavorato e sta lavorando al progetto finale- sottolinea Pelaschier-. E rappresenta anche un passo ovviamente importante per il nostro futuro perché abbiamo capito che il lavoro svolto sino a questo momento è andato nella direzione giusta. Il team, dal punto di vista velico, è cresciuto moltissimo da Trapani a oggi grazie proprio al grande lavoro svolto durante l’inverno di preparazione tecnica, atletica e in mare per molti mesi consecutivi.

“Anche lo shore team è cresciuto moltissimo e ha messo sempre in condizione i ragazzi di esprimersi al meglio con una barca efficiente e affidabile. Ricordo, in particolare a chi non è del settore, che le barche sono comunque un oggetto molto delicato e complicato. Vanno mantenute in attività e aggiustate nei particolari, giorno dopo giorno. Un lavoro veramente complesso e lungo, quasi estenuante. Tutte le notti c’è qualcuno che lavora sulla barca perché –dal di fuori magari non si vede- tante piccole rotture avvengono quasi a ogni regata.

“Un fondamentale contributo è venuto ovviamente anche dal design team, che è riuscito a esprimere -e a “spremere”- in qualche modo ancora Ita 77 -la vecchia Stars & Stripes di Dennis Conner- per ottenere risultati confortanti. Ita 77 ha avuto infatti performance nettamente superiori alla sua presenza ad Auckland nell’ultima edizione della Louis Vuitton Cup e anche a quanto aveva fatto nella stagione di esordio con Mascalzone Latino-Capitalia Team nel 2005. Questo vuol dire che abbiamo capito meglio il mezzo e che il sailing team ha trasferito al design team delle valide informazioni che hanno migliorato la barca. Eccezionale lavoro anche dalla veleria, che ha fatto degli ottimi progetti proprio in virtù delle performance e delle qualità di questa barca.

“Alla fine tutto è quadrato e ne siamo soddisfatti- prosegue Mauro Pelaschier-. Sicuramente tutti hanno fatto un passetto avanti per ottenere risultati. Il quinto posto della stagione 2006, considerando che è un quarto posto fra i Challenger, ci conforta e ci dà grande motivazione perché è vicino alla “porta” di entrata nelle semifinali.

“Ora che le gare sono finite aspettiamo Ita 90. Grazie al nuovo scafo faremo un grande salto di prestazioni e crediamo che il nuovo mezzo ci metterà in condizione di sfidarci alla pari con i team che attualmente ci precedono in classifica. La competitività del mezzo ai massimi livelli finora infatti ci è mancata. Non è una scusa, è un dato di fatto.

“Mi sembra importante ricordare che stiamo parlando di uno sport che si avvale di un mezzo tecnico che vale moltissimo, come nell’automobilismo e nel motociclismo, sia in termini economici sia in rapporto al contributo che dà al team per “fare la prestazione”. Quindi, anche nella vela, la bontà del mezzo è fondamentale insieme alle sue componenti, a partire dalle vele –il “motore” della barca- e all’organizzazione generale che mette in condizione il sailing team di ottenere il risultato. Nel nostro futuro confidiamo nel fatto che con la barca nuova sapremo misurarci alla pari con i grandi team proprio in virtù della maggiore velocità a disposizione.

“Sappiamo comunque che dobbiamo crescere ancora come team sportivo, quindi migliorare le nostre prestazioni soprattutto nei match races, dove recentemente abbiamo avuto una buona esperienza grazie al fatto di aver migliorato le prestazioni di Ita 77. Quindi dovremo continuare a cercare condizioni di match duro e quindi accumulare esperienza per tutto il team.

“Lavoreremo dunque parallelamente, per migliorare le prestazioni personali e di gruppo, e quelle del mezzo- conclude Mauro Pelaschier-. Ma non solo di Ita 90: attualmente il design team sta lavorando e continuerà a lavorare perché c’è in programma anche una barca successiva che vedrà la luce il prossimo anno. Spenderemo quindi tutto il tempo che abbiamo da qui al prossimo febbraio per ottimizzare la 90, e ci confronteremo con i team che sono qui a Valencia come del resto abbiamo già fatto nei mesi scorsi. Tante regate di allenamento non solo per “studiare” gli avversari dal punto di vista sportivo, ma anche per capire le prestazioni della nostra nuova barca e metterla perfettamente a punto per il grande appuntamento della Louis Vuitton Cup”.


http://www.mascalzonelatino.it/home/home.jsp

ESTENSIONE DI GARANZIA DOIMO CITYLINE



ESTENSIONE DI GARANZIA PRIMA INFANZIA



TROVA IL NEGOZIO PIÙ VICINO A TE

Doimo Cityline è arredamento zero venti anni. Specializzati nella produzione di letti, armadi e componenti per ragazzi e per i più piccoli, con la massima attenzione alla qualità di Doimo Cityline. Lo sviluppo di tutti i prodotti Doimo Cityline parte della ricerca sul prodotto con una attenta analisi del mercato e con una continua osservazione sull'evoluzione del costume nella società, nell'intento di offrire sempre nuovi suggerimenti per chi voglia arredare lo spazio abitativo della cameretta per ragazzi e bambini con gusto moderno e funzionale. Doimo Cityline collabora attivamente con progettisti e designers che sviluppano una costante ricerca sul prodotto cameretta e sulle nuove tecnologie di produzione. Doimo Cityline realizza composizioni innovative per i ragazzi, bambini e prima infanzia. I programmi sono modulari per consentire infinite soluzione compositive della cameretta, della camera, dei letti per bambini e ragazzi, che comprendono letti e lettini, armadi, scrittoi gruppi letto. Lo spazio abitativo della cameretta è il centro dell'esistenza quotidiana di bambini, neonati e ragazzi. Una cameretta ben strutturata rende la vita dei ragazzi più agevole e divertente.